Emre Dündar
Menzione speciale (categoria Solo)

-2017-01-03-03

Emre Dündar è nato a Istanbul nel 1972. Si è avvicinato alla musica studiando da bambino il pianoforte. Durante la giovinezza ha continuato a lavorare con la musica accostando ad essa la pittura; su questo versante si è formato presso la scuola di Mehmet Güleryüz, esponendo successivamente durante esposizioni sia monografiche che collettive. Ha studiato pianoforte, composizione e direzione presso il Mimar Sinan Fine Arts University State Conservatory.

Ha studiato composizione con Ilhan Usmanbaş, Özkan Manav e Hasan Uçarsu. Fra il 2000e il 2002, ha diretto l’Eskişehir Symphony Orchestra diventandone il Direttore artistico. Nel 2004 ha vinto il Concorso Nazionale di Composizione, bandito dal Ministero della Cultura.

A partire dal 2000 ha costantemente tenuto conferenze sulla teoria della musica e sull’orchestrazione presso la Yıldız Technical University (facoltà di Design), l’Eskişehir Anadolu University State Conservatory e il Mimar Sinan Fine Arts University State Conservatory. Durante questo periodo ha anche partecipato come pianista a molti eventi musicali  in qualità sia di solista che in ambito di progetti dedicati alla musica da camera.

Nel 2016 è stato finalista al Concorso di Composizione di Basilea.

Come compositore sfrutta tutti i mezzi offerti dall’acustica e dall’elettroacustica, utilizzando in vari contesti molte delle più importanti tecniche compositive sviluppatesi nel corso della seconda metà del XX secolo.

È molto interessato al valore musicale esistente nel contrasto fra “parlare e dire” e definisce il suo linguaggio musicale attorno alla nozione di “narrazione”, concentrandosi in particolare sulle antiche tradizioni della retorica.

I contenuti espressivi delle sue opere sono focalizzati sul concetto di narrazione declinato in chiave storica e sulla base delle sue diverse forme di manifestazione.

In tal senso la poesia ed i problemi formali ad essa collegati hanno un impatto diretto sul linguaggio musicale del compositore.